I 13 principali errori di gestione: Parte 2

La parte 1 dell'articolo è disponibile qui. In questo articolo, CleverControl ha chiesto agli esperti quali sono gli errori più gravi e frequenti che i manager e i leader commettono e come influiscono sul successo complessivo dell'azienda.

La mancanza di feedback ai dipendenti

Il contatto è contatto. Il manager spesso si aspetta una risposta immediata, una pronta consulenza specialistica e rapporti regolari da parte dei subordinati, ma lui stesso è sempre silenzioso. I dipendenti devono "inseguire" il manager, fissare appuntamenti e così via. "La mancanza di feedback di qualità ai dipendenti suggerisce che il manager non comprende appieno il livello di qualità delle sue attività", afferma il responsabile marketing di Ivido World Brian Robinson.

La mancanza di criteri di prestazione

Questo accade quando "i dipendenti non capiscono come valutare le proprie attività, quale risultato è un buon risultato", dice Hope Morocco.

"È più facile fare da soli che spiegare".

"Un altro fallimento manageriale è quando il manager, invece di cercare di spiegare al dipendente cosa ha sbagliato, fa il lavoro per il dipendente. Alla fine, il dipendente non impara nulla e il manager entra in un circolo vizioso in cui è necessario fare sempre tutto da solo", ha dichiarato la responsabile del dipartimento PR di "Tour Unity" Julia Holland.

Pressioni sul personale

"I manager inesperti commettono altri errori", continua Julia Holland. "Per esempio, l'uso di metodi "tutto bastone niente carota" e la pressione sui subordinati, la valutazione errata della complessità di un compito, l'assegnazione imprecisa di responsabilità e risorse".

Critiche pubbliche ai subordinati

Christopher Carpenter, responsabile della comunicazione aziendale di You Outsourcing: "Uno degli errori più imperdonabili dei manager è quello di minare la fiducia dei dipendenti. Questo può avvenire in diversi modi: ad esempio, criticando un subordinato in pubblico. Per molti dipendenti, questo è un evento molto doloroso se coinvolge persone esterne. E anche se la critica è giustificata, è improbabile che dopo di essa si possa contare su un'atmosfera di fiducia nel team. Io credo nel seguente principio: elogiare in pubblico, criticare solo occhi negli occhi".

Emozioni incontrollate

Un altro errore secondo Brian Robinson sono gli attacchi personali e le "urla". Se il manager urla, si scredita chiaramente come leader e come professionista.

Familiarità

Theresa Dixon, dirigente dell'ufficio di consulenza "Quick Halo": "Credo che il peggior errore di tutti i tempi sia la familiarità, anche nelle piccole aziende è inaccettabile. I subordinati, da parte loro, devono essere sempre ben consapevoli della responsabilità del manager (ecco perché il capo è sempre un "senior" anche se non c'è una grande differenza di età). Tra l'altro, in medicina, a questo proposito, la questione è stata risolta fin dall'antichità. La maggior parte della responsabilità è sempre assunta dal medico, quindi gli infermieri osservano chiaramente la catena di comando. E quanto meglio lo capiscono, tanto più e meglio aiutano. Questi infermieri sono molto apprezzati dai medici. La familiarità non è accettabile".

Micromanagement

Christopher Carpenter, responsabile della comunicazione aziendale di You Outsourcing: "Un errore comune dei manager è il desiderio di impegnarsi nel micromanagement: si immergono troppo profondamente nei compiti che stabiliscono per i subordinati, li controllano quando non è necessario e fanno un sacco di lavoro extra che potrebbe essere facilmente delegato ai dipendenti. Oltre a occupare una parte enorme del tempo del manager, spesso infastidisce i subordinati, li priva di qualsiasi iniziativa e toglie ai nuovi dipendenti qualsiasi opportunità di crescita professionale. Conoscevo un manager che dava l'incarico di preparare una relazione sullo stato di avanzamento dei lavori per la quale creava istruzioni che erano diverse volte più voluminose della relazione stessa. Alla fine, dedicava a queste istruzioni più tempo di quanto i suoi subordinati ne dedicassero ai rapporti. Il manager non aveva tempo a sufficienza per compiti più importanti e i suoi dipendenti hanno gradualmente perso interesse per il lavoro e lo hanno svolto in modo meno efficiente. Alla fine, il manager si è sentito esaurito emotivamente e ha cambiato lavoro; nel team successivo gli è stato consigliato di cambiare subito lo stile di leadership e di fidarsi di più dei suoi subordinati".

Riassumere

Le qualità più preziose di un professionista sono la capacità di scartare le emozioni personali, di avere uno sguardo sobrio sul problema e di adeguare le azioni. Il team prova il massimo entusiasmo con il manager che corregge non solo gli errori dei subordinati, ma anche i propri.

I 13 principali errori di gestione: Parte 2