L'impostore

Un'agenzia pubblicitaria stava cercando uno scrittore e pensava di aver trovato il candidato perfetto. Il compito di prova di Ann era intelligente, avvincente e creativo, e la manager Olivia era certa che la scrittura del candidato avrebbe fatto schizzare alle stelle la soddisfazione dei clienti.

Con grande sconcerto del manager, la nuova dipendente ha fallito il primo incarico. L'articolo che aveva presentato era pieno di errori stilistici e non era stato studiato a fondo. Il cliente è rimasto profondamente deluso dal risultato finale, così Olivia ha dovuto chiedere a un altro scrittore di modificare l'articolo e offrire un forte sconto al cliente. Quel giorno l'agenzia perse una parte significativa del profitto.

Con grande sconcerto del manager, la nuova dipendente ha fallito il primo incarico. L'articolo che aveva presentato era pieno di errori stilistici e non era stato studiato a fondo. Il cliente è rimasto profondamente deluso dal risultato finale, così Olivia ha dovuto chiedere a un altro scrittore di modificare l'articolo e offrire un forte sconto al cliente. Quel giorno l'agenzia perse una parte significativa del profitto.

Olivia ha pensato che una qualità così sporadica fosse sospetta e che fosse un buon motivo per esaminare più da vicino la nuova dipendente. Iniziò a monitorare la sua attività durante l'orario di lavoro utilizzando CleverControl. Il rapporto sull'attività di Internet mostrava che il tempo di lavoro di Ann era suddiviso principalmente tra siti di incontri e di shopping. Scriveva i suoi compiti in modo disordinato, all'ultimo minuto, e in generale non prendeva molto sul serio il suo lavoro.

Olivia era sicura che, limitando l'accesso di Ann ai siti web di intrattenimento, Ann si sarebbe concentrata maggiormente sul lavoro e la sua produttività sarebbe migliorata. Dopotutto, Ann era in grado di scrivere testi eccellenti e Olivia non voleva perdere una dipendente così talentuosa. Tuttavia, il blocco dei siti web indesiderati non ha portato ai risultati sperati: Ann ha iniziato a cercare altri modi per perdere tempo. I rapporti di CleverControl mostravano che Ann si assentava dal computer per ore, passando da un collega all'altro e distraendoli con pettegolezzi e chiacchiere. Dopo diverse lamentele da parte di altri dipendenti, Olivia ha dovuto parlare seriamente con Ann. Ha avvertito la dipendente che una tale negligenza avrebbe potuto portare alla fine della loro collaborazione e ha dato ad Ann un periodo di tre settimane per migliorare le sue prestazioni.

La prima cosa che Ann ha fatto dopo il colloquio è stata quella di inviare un messaggio Whatsapp disperato alla madre dal computer dell'ufficio. Il messaggio è stato registrato da CleverControl e ha fornito un indizio per rivelare la brutta verità. Si scoprì che la madre di Ann era una professoressa di letteratura. Era stata lei a scrivere quel brillante compito d'esame e altri testi eccezionali per la figlia. Ann non aveva né il talento per la scrittura né il desiderio di lavorare in quel campo, per cui aveva trascurato le sue responsabilità lavorative.

Dopo aver discusso la situazione con la direzione, Ann ha rassegnato le dimissioni.

Caratteristiche essenziali:

  • Tracciamento dell'attività dell'utente
    I rapporti sulle attività hanno aiutato l'azienda a rilevare il basso livello di produttività del dipendente.
  • Monitoraggio dei siti web visitati
    Il registro mostrava che il dipendente era impegnato in attività non legate al lavoro durante l'orario d'ufficio.
  • Tracciamento dei messaggi istantanei
    Questa caratteristica ha permesso di scoprire l'impostura del dipendente.