Vale la pena risparmiare sul reclutamento?

Ho un vicino che ha costruito la sua casa per cinque anni. Tutti gli hanno detto che forse dovrebbe assumere un appaltatore per costruire la casa subito? Ma lui ha detto che preferiva risparmiare e che l'avrebbe costruita da solo. Oggi cerca di vendere la casa anche se non è ancora finita. Ha investito molto denaro nel corso degli anni. Il prezzo di vendita copre solo la metà degli investimenti. Ma non ci sono ancora acquirenti. Se si calcola il costo totale del lavoro, della benzina, dei materiali e del tempo perso, si capisce che il vicino potrebbe semplicemente prendere in prestito il denaro necessario per una costruzione adeguata, assumere una squadra di costruttori e vivere nella villa costruita per 5 anni, avendo la possibilità di estinguere tutti i prestiti già da tempo. Guardando questa storia, sorge spontanea la domanda: vale la pena risparmiare e cercare di fare tutto da soli, se poi la spesa complessiva si rivela molto più significativa?

Alla fine si deve comunque pagare

Per quanto un'azienda desideri assumere dipendenti senza spendere, alla fine deve comunque pagare. Per cominciare, dovrà pagare i siti sul lavoro, dedicare tempo ai colloqui e assumere un reclutatore (responsabile delle risorse umane) o un'agenzia di reclutamento. Il piano di reclutamento, formazione e adattamento dei dipendenti è la pietra angolare di qualsiasi azienda e un'economia irragionevole su di esso può creare seri problemi a queste aziende frugali in futuro. È grave quando l'azienda non ha uno standard di "time to hire". È ancora peggio se ci sono due fasi di assunzione: quando un dipendente è necessario "ieri" e quando "un dipendente non è più necessario".

Mentre i top manager possono sapere perfettamente quali perdite subirà l'azienda in assenza di responsabili delle vendite, di un magazziniere esperto o di un responsabile dell'assistenza, possono essere completamente all'oscuro delle perdite dovute alla mancanza di una segretaria, di un responsabile degli acquisti o di un contabile. "Perché dovrei assumere un altro contabile? Mi limiterò a distribuire il lavoro tra gli altri dipendenti!".

Molti trascurano il fatto che, con il tempo, la mancanza di un dipendente diventerà evidente. Gli altri dipendenti potrebbero non avere abbastanza tempo per portare a termine tutti i compiti e le nuove responsabilità potrebbero comportare orari di lavoro irregolari, errori e persino dimissioni. E a quel punto l'organizzazione subirà perdite ben più gravi dello stipendio di un solo contabile.

Che tipo di risparmio è ragionevole?

Cercare di risparmiare sull'essenziale ha quasi sempre un effetto negativo su un'azienda: ad esempio, se l'azienda cerca di trovare personale utilizzando un sito web con offerte di lavoro senza avere un reclutatore nello Stato o ricorre all'impiego di un'agenzia di reclutamento, rischia di non rispettare tutte le scadenze per le assunzioni, che a loro volta possono influire sui processi aziendali. Un'economia ragionevole implica una scelta: in genere, le aziende (che vogliono risparmiare) hanno un responsabile delle risorse umane in organico e, in aggiunta, impiegano un'agenzia di reclutamento. I vantaggi di tale risparmio sono evidenti: una riduzione dei tempi di assunzione e la possibilità di tenere sotto controllo il processo di assunzione. I responsabili delle risorse umane, di norma, hanno un certo "carico di lavoro", altri compiti, oltre al processo di assunzione, che non impedisce loro di rispettare le scadenze e di condurre i colloqui.

In conclusione, va notato che il reclutamento è un elemento chiave di qualsiasi organizzazione e, se l'organizzazione è abbastanza grande, diventa un processo aziendale separato. Risparmiare sull'essenziale può "andare di traverso" e portare a gravi perdite per l'azienda in futuro. I risparmi possono essere solo ragionevoli.

Sfruttare i vantaggi del programma di monitoraggio PC NetVizor