Il pericolo di assumere un dipendente sleale

Il termine "lealtà" è entrato nel lessico dei dirigenti e dei responsabili delle risorse umane abbastanza di recente, ma la sua definizione esatta non è chiara, poiché ogni dirigente definisce da sé i criteri di lealtà, che vanno dalla fedeltà personale al rispetto formale delle regole. Anche se c'è qualcosa in comune per tutte le definizioni: un dipendente è considerato leale se si può fare affidamento su di lui, se è in grado di portare a termine un compito o, almeno, di avvertire dell'impossibilità di portarlo a termine. I problemi possono sorgere con i dipendenti che non sono stati licenziati quando è stata scoperta la loro slealtà verso l'organizzazione o il capo. Anche se il dipendente ha tutte le conoscenze e le competenze necessarie ed è altamente qualificato, ci possono essere molte ragioni per cui lavora male.

Un basso salario può essere la causa, così come benefit incompleti o disagi in ufficio, che costringono un dipendente a dedicare tempo alle lamentele e questa insoddisfazione si diffonderà tra tutti i lavoratori, contagiandoli uno a uno. Un altro problema è rappresentato dal personale che vede l'organizzazione come una fase di transizione nella propria carriera, non si preoccupa di una causa comune e non vede nel proprio superiore un leader. Riuniti insieme, i dipendenti sleali si mettono l'uno contro l'altro contro la dirigenza e sottopongono i non-contenuti a un pubblico rimprovero.

Non esistono metodi sicuri per identificare i dipendenti sleali, ma esistono criteri di lealtà che permettono di trarre conclusioni approssimative. Il primo modo per identificare i dipendenti scontenti - è quello di iniziare a fare domande, coloro che non nascondono nulla risponderanno alle domande senza esitazione o evasione, così che a volte diventa immediatamente chiaro quale sia la loro disposizione. Ma forse sarà necessario fare domande personali, per formarsi un'opinione su un dipendente, le risposte evasive indicano il desiderio di nascondere qualcosa.

Altre prove di slealtà sono le bugie, le mezze verità, l'occultamento e il ricatto. Ad esempio, un dipendente che parla di essere attirato dai vostri concorrenti e di come potete trattenerlo aumentandogli lo stipendio. Non ha senso tenere un dipendente del genere, perché se ne andrà comunque. Anche qualsiasi interferenza negli affari della gestione del personale può essere un segno di slealtà, ad esempio consigli frequenti non graditi al manager o l'imposizione del punto di vista del dipendente.

Tutto ciò dimostra che un dipendente non vi ritiene in grado di gestire un team e cerca di togliervi i diritti, il che è inaccettabile. Naturalmente, ottenere la fedeltà di tutti i dipendenti è impossibile, ma è necessario assicurarsi che le posizioni chiave siano occupate da persone affidabili su cui poter contare nei momenti cruciali. Coloro che non fuggono nei momenti difficili sono la risorsa che vi aiuterà a conquistare nuove vette.