Come insegnare ai manager a prendere le decisioni migliori?

Come insegnare ai manager a prendere le decisioni migliori?

La vita di molte persone potrebbe dipendere da una singola decisione di un manager o di un dirigente. In che modo le decisioni migliori e corrette dipendono dalla capacità di comunicare?

Supponiamo che abbiate 50.000 dollari da investire. Immaginate di avere tre consulenti.

Eccoli:

  • Un astrologo.

  • Analista finanziario con 5 anni di esperienza.

  • Una bambina di 4 anni.

A chi di loro affidereste il vostro denaro? Ovviamente la maggioranza si affiderebbe all'analista. E a prima vista sembra logico e corretto.

Un esperimento psicologico

Nel frattempo, un esperimento del genere è stato condotto da un professore di psicologia nel Regno Unito.

E il risultato è stato inaspettato:

  • L'astrologo ha fatto la sua scelta in base alla data di fondazione della società.

  • L'analista finanziario ha esaminato le attività della società negli ultimi 7 anni e ha investito sulla base di questa analisi.

  • La ragazza ha scelto quattro società a caso dall'elenco dei possibili investimenti.

Anche i primi risultati sono stati più che interessanti. Durante la prima settimana dell'esperimento l'astrologo ha perso il 10% del denaro, l'analista il 7% e la ragazza il 4%. Ma non è tutto.

L'esperimento era stato progettato per durare un anno. E un anno dopo, i risultati sono stati ancora più entusiasmanti. A causa delle fluttuazioni del mercato, l'astrologo ha perso il 6%, l'analista finanziario il 46% (!!!). La bambina di 4 anni, invece, ha ottenuto un profitto del 5,6%, il che è impressionante, non trovate?

Dovremmo allora affidare le decisioni importanti ai bambini?

Come interpretarlo? Qualcuno potrebbe dire che dobbiamo smettere di fidarci degli esperti e iniziare a chiedere consigli ai bambini piccoli. Ma non è questo il punto.

Se un esperto conosce una relazione causale rigida, può prevedere il risultato con grande precisione e prendere le decisioni migliori. Ma se la connessione tra gli eventi non è un dato di fatto ma più una probabilità, allora il parere di un esperto diventa solo un'opinione e nulla più. In una situazione del genere, come ha dimostrato l'esperimento, non c'è quasi nessuna differenza tra i consulenti.

A volte l'esperienza e la conoscenza di un esperto possono addirittura impedire di prendere una decisione corretta, perché si basano sul passato personale. E il futuro è spesso diverso dall'esperienza passata.

Quindi, come fa una persona, soprattutto un manager o un dirigente, a prendere una decisione importante? Un altro esperimento risponde a questa domanda.

"Intelligenza collettiva"

Molto prima dell'esperimento sugli investimenti ne è stato condotto un altro. A diverse centinaia di persone è stata posta una domanda molto specifica e difficile. Quasi nessuno conosceva la risposta corretta, quindi hanno dato risposte basate sulle proprie opinioni. Le risposte erano molto diverse e per la maggior parte sbagliate. Ma quando i conduttori le misero tutte insieme ed estrassero una sorta di valore medio, risultò esattamente corretto! Così, si è scoperto che ogni individuo aveva sbagliato separatamente, ma insieme aveva ragione!

Sembra intrigante. Ciò significa che per ottenere una risposta degna di attenzione e prendere una buona decisione, abbiamo bisogno del maggior numero possibile di opinioni. Inoltre, le opinioni devono essere diverse o addirittura polari. E poi ci atteniamo a qualcosa di medio.

Sembra semplice. Ma le persone sono creature esigenti e le loro risposte dipendono fortemente da ciò che pensano di coloro che pongono le domande. Quindi, se decidete di raccogliere diverse opinioni per prendere una decisione che cambierà la vostra vita, è meglio che siate sicuri della vostra capacità di comunicazione. Altrimenti, potreste ricevere informazioni tardive, incomplete o errate.

Ma nelle aziende, spesso, vediamo un quadro diverso. I dipendenti (tutti insieme) hanno le informazioni necessarie per scavalcare i concorrenti, o per uscire dalla crisi, ecc. Ma i dirigenti non le usano, probabilmente perché non ci hanno pensato o perché "ne sanno di più". La situazione sembra ridicola: le informazioni necessarie sono lì, ma allo stesso tempo non lo sono.

Per questo motivo, molti leader sono sempre più consapevoli di possedere una risorsa preziosa: l'"intelligenza collettiva". Tutto ciò che serve è saper comunicare e porre le domande giuste.

Here are some other interesting articles: