Come non ci si deve comportare con il capo

Perché a volte è così difficile trovare una strada per il proprio capo? La difficoltà principale è che siamo tutti diversi. C'è chi si infastidisce quando i dipendenti sono troppo intraprendenti e chi, al contrario, non sopporta i dipendenti passivi che passano le ore in ufficio in silenzio. Come evitare di diventare il motivo di irritazione del vostro capo? Come scegliere il modello di comportamento migliore, smettere di tremare e impallidire mentre si scelgono le parole per un colloquio privato? Nonostante il fatto che ogni persona richieda un approccio individuale, esistono alcune regole universali, dei "no" fondamentali: cose che non si devono fare anche se si desidera fortemente farle.

Argomentazione

Se non si vuole perdere il lavoro, è meglio rifiutare l'abitudine di dimostrare di avere sempre e comunque ragione. Naturalmente, un capo saggio non considera la propria opinione come l'unica vera e prende in considerazione i consigli dei dipendenti. Tuttavia, non tutti i capi accettano di buon grado le critiche. Prima di entrare in dibattiti accesi, riflettete: ne vale la pena? Dovreste annunciare con orgoglio il vostro totale disaccordo con il punto di vista del capo quando sono in gioco la vostra carriera e il vostro stipendio? Rispettate l'opinione del vostro datore di lavoro e ricordate: a volte il silenzio è d'oro. Tenere per sé la propria opinione non significa essere sconfitti.

Parlare dei dettagli della propria vita privata

La vita privata è tutto ciò che accade fuori dal luogo di lavoro nel tempo libero. È meglio non far conoscere al vostro capo tutti i dettagli del vostro tempo libero: difficilmente sarà interessato a sapere quante volte al giorno date da mangiare al gatto, dove è più conveniente comprare il detersivo e perché ieri avete litigato con un amico. Lasciate i vostri problemi emotivi agli amici e alle persone più care: essere eccessivamente sinceri non ha mai fatto bene a nessuno.

Cercare di essere un amico

Si può essere "in sintonia" con il proprio capo, ma è importante tenere a mente la distanza. Il capo è sempre il capo. Quando un dipendente cerca apertamente di diventare amico del capo e annuisce palesemente a ogni sua parola, questo comportamento viene inconsapevolmente percepito come ipocrisia e ricerca del proprio vantaggio. Mantenere un equilibrio ragionevole nella comunicazione: l'amicizia non deve cancellare i confini tra rapporti di lavoro e personali.

Giocare sulla simpatia

Tutti hanno problemi di tanto in tanto: le cose non vanno come previsto, qualcosa non accade al primo colpo. Tuttavia, non è questo il motivo per assumere il ruolo di vittima. La malinconia prolungata diminuisce la produttività e quindi influisce negativamente sul rendimento generale e sul benessere dell'azienda. Un dipendente non deve far sì che il capo sia disposto a prendersi cura di lui o di lei, quindi non dovete scoraggiarvi al primo fallimento e lamentarvi delle avversità della vita con le lacrime agli occhi. Se non siete abbastanza abili per svolgere un determinato compito, allora è nelle vostre mani. Solo chi raggiunge il successo va avanti verso il proprio obiettivo e supera le proprie paure, i dubbi e la mancanza di fiducia in se stesso. Studiate, acquisite nuove competenze, leggete libri, comunicate con persone di successo: con il tempo vedrete che le difficoltà emergenti non sono poi così grandi come sembrano all'inizio.

Spostamento della colpa

Commettere un errore non è un male. È un male non assumersi la responsabilità di un errore. Scaricando la colpa dei propri errori su qualcun altro, non ci si eleva, ma al contrario si rovina la propria reputazione e si perde la fiducia dei colleghi e del capo. Non bisogna avere paura degli errori: tutti li hanno commessi. È importante prendere atto di ciò che è successo, trarre le giuste conclusioni, correggere i propri errori ed evitare di commetterli in futuro.

Essere in ritardo

Il modo più rapido per far arrabbiare il vostro capo è arrivare regolarmente in ritardo. Sembra che non ci sia niente di più facile che puntare la sveglia 20 minuti prima e arrivare in tempo. Eppure, ahimè, dobbiamo affrontare clienti, appaltatori e partner commerciali che arrivano in ritardo ogni giorno. Il tempo è la risorsa più preziosa di tutte e non farne tesoro nella moderna frenesia quotidiana è un puro crimine. Non aspettate che la vostra impuntualità si trasformi in un fallimento. Imparate a gestire il tempo e pianificatelo con almeno un giorno di anticipo.

Credere che l'aspetto non sia importante

Non si può fare la prima impressione due volte. Guardatevi allo specchio e cercate di valutare il vostro riflesso in modo obiettivo. Firmereste un contratto da un miliardo di dollari con la persona che vedete? Senza dubbio le qualità personali, le attitudini, la ricchezza del mondo interiore, l'istruzione, l'esperienza lavorativa sono i criteri in base ai quali valutare il professionista. Ma chi avrebbe a che fare con una persona con abiti antiquati e sgualciti, scarpe sporche, capelli non curati e viso non lavato? Non è un problema se siete lontani dalle ultime tendenze della moda: troverete sicuramente molte idee per creare la vostra immagine su Internet o sulle pagine delle riviste di moda. Tuttavia, fate attenzione: non dovreste provare alla cieca ogni look alla moda. Prendete in considerazione le peculiarità della vostra figura e della vostra altezza: il vostro compito è quello di nascondere le imperfezioni ed enfatizzare i vostri vantaggi. Se avete paura di sembrare stupide, scegliete i classici o rivolgetevi a uno stilista e creatore di immagini professionista. Lui o lei vi aiuterà a scegliere diversi abiti che possono essere mescolati e che vi faranno apparire moderne ed eleganti. Va notato che la marca dei vostri abiti non è così importante quanto l'ordine del vostro look in generale. Le donne non devono dimenticare l'acconciatura, la manicure e il trucco leggero.

La capacità di instaurare un dialogo costruttivo è un'abilità molto utile, necessaria sia per i professionisti che per i giovani dipendenti che hanno appena iniziato la loro carriera. Anche se non vi ponete l'obiettivo di piacere al capo, è facile mantenere un'atmosfera piacevole in ufficio: dovete svolgere il vostro lavoro in modo corretto e mantenere la neutralità quando sorge un conflitto. Ricordate: il vostro capo è una persona viva. Può essere stanco, depresso o in cerca di soluzioni per un milione di problemi, proprio come voi. Se siete interessati a una collaborazione a lungo termine, rispettate l'opinione del vostro capo, mantenete la calma, abbiate pazienza e lavorate per il bene dell'azienda.