Come riconoscere una persona che cambia spesso lavoro

Per farlo, è necessario conoscere i principali tipi di "volantini".

Studiando la biografia del candidato, prestiamo sempre attenzione a ciò che lo ha spinto a lasciare il lavoro precedente e a cercarne uno nuovo. Non ci soffermiamo sulle ragioni esterne che spingono a cambiare lavoro. Ci interessano le ragioni interne, perché aiutano a capire le peculiarità del carattere e della motivazione della persona.

"Mi piacerebbe essere un generale".

È una questione di crescita professionale e di ambizioni non realizzate. Il dipendente inizia a stancarsi dei suoi soliti compiti quotidiani nel giro di 3-4 anni. E ogni nuovo lavoro lo porta a ricoprire posizioni più elevate e di maggiore responsabilità, ad avere un'autorità più ampia e a realizzare progetti più grandi. Secondo le mie osservazioni, le sane ambizioni sono caratteristiche dei manager che sono stati cresciuti con indicazioni parentali quali: "Ti meriti il meglio", "Vai avanti", "Cresci e sviluppati". Inoltre, coloro che hanno avuto un chiaro esempio costante di crescita professionale: le loro madri o i loro padri sono stati top-manager. Va notato che anche le persone con una motivazione esplicita per il potere si sforzano di fare carriera: di solito sono figli adulti di genitori severi, severi ed esigenti.

"Un rivoluzionario"

Tutti hanno probabilmente conosciuto persone di questo tipo: sanno per certo come deve funzionare questo mondo, sono molto diretti e si attengono sempre ai loro principi. Sono rivoluzionari. Compiono le trasformazioni che ritengono necessarie in ogni luogo di lavoro. Non essendo flessibili, si spingono semplicemente in avanti, senza considerare i desideri degli altri. E il più delle volte falliscono. Offesi e inimicati, lasciano il precedente datore di lavoro, lamentando l'indolenza, la stagnazione, la pusillanimità, la codardia del personale. Allo stesso tempo, elogiano la propria volontà e la propria risolutezza.

Tra l'altro, le persone a cui è stato concesso troppo durante l'infanzia di solito diventano veri e propri "rivoluzionari". Ma i genitori, non avendo fissato i limiti in tempo e avendo perso il controllo su di loro, crescono una persona testarda e ostinata. In possesso di un carisma potente e di una leadership naturale, questa persona si trasforma in un rivoluzionario impetuoso e incontrollabile.

"Un bambino scandaloso"

Questi dipendenti sono portatori di conflitti. Qualunque sia il personale in cui entrano, iniziano presto a sorgere conflitti e intrighi. Litigano con i colleghi, sono in contrasto con la direzione. Anche le culture aziendali più democratiche non sopportano il loro tono intransigente, le provocazioni volute o le sottili manipolazioni. Questi dipendenti di solito dichiarano "incomprensioni", "scarsa professionalità e stupidità" del personale come motivo del loro allontanamento. Molto spesso questi attaccabrighe non hanno attraversato una vera e propria crisi adolescenziale, quando i figli litigano con i genitori dimostrando il loro diritto alla libertà di decisione e di azione. Gli adolescenti si riconoscono in questi litigi, imparano non solo a difendere le proprie ragioni ma anche a obbedire. Sviluppano la capacità di risolvere le questioni difficili in modo costruttivo. Tuttavia, non tutti attraversano queste fasi importanti: alcuni imparano lontano dai genitori. Alcuni hanno paura ed evitano di parlare con i loro padri. Alcuni non hanno affatto un padre. Le contraddizioni fallite si accumulano e definiscono il carattere della persona in futuro. Per essere precisi, i suoi tratti negativi: conflitti, litigiosità, incapacità di trovare compromessi ragionevoli.

"Epigone"

Ci sono dipendenti che cambiano lavoro dopo il loro manager. È naturale nelle fasi iniziali del lavoro. Tuttavia, è allarmante quando diventa una tradizione e un manager quarantenne segue docilmente il suo capo. Questi ultimi appartengono di solito al tipo "figlio per sempre" o "studente per sempre". Si distinguono per la mancanza di indipendenza e assumono la posizione di seguaci. Anche dopo aver raggiunto alte cariche, rimangono per sempre vice e vicepresidenti. Questi dipendenti sono solitamente privi di attenzioni e cure paterne. Il desiderio insoddisfatto di cure e amore paterno e la ricerca di un "padre saggio" li inseguono per tutta la vita.

"Uno scienziato pazzo"

Ci sono persone che cambiano lavoro non appena capiscono che la loro ricerca è finita. Trattano il lavoro come una scienza. Si pongono problemi, sviluppano e dimostrano ipotesi, fanno esperimenti. Non inseguono denaro o posti di lavoro. La loro motivazione principale è l'interesse cognitivo per il lavoro che stanno svolgendo. Sono individualisti. Cambiano lavoro, trascurando "inezie" come lo spirito di gruppo, la politica, i rapporti di amicizia. Una volta terminato un progetto interessante, non perdono tempo e ne cercano un altro, più complicato, più intellettuale, più innovativo. L'azienda non ha importanza. Un dipendente di questo tipo è una manna dal cielo per il datore di lavoro. Tuttavia, un temporaneo è molto prezioso. Sono autonomi e senza pretese. Aperti e incorruttibili. Ma non appena perdono il loro interesse, non è possibile trattenerli con denaro, elogi o incarichi.

"I soldi parlano"

Il denaro è un motivo rispettabile per cambiare lavoro, soprattutto se lo stipendio nella nuova azienda è molto più alto. Tuttavia, ci sono dipendenti che cambiano azienda spinti dall'insaziabile desiderio di ottenere almeno un po' di denaro in più. Una persona di questo tipo è pronta a rinunciare a legami consolidati, a un lavoro continuativo, a un ambiente di lavoro ben strutturato, a un personale conosciuto per una differenza di stipendio trascurabile. La motivazione aperta al denaro è di solito caratteristica di persone che provengono da famiglie disfunzionali, bambini privati di opportunità materiali e piaceri attraenti rispetto ad altri.

I datori di lavoro attenti, dopo aver sfogliato un curriculum e sostenuto un piccolo colloquio, possono già dire molto sul candidato. Ogni azione, ogni passo e ogni decisione è un anello della preziosa catena della nostra vita, unica, complicata ed emozionante.