Salute mentale e impatto sulla produttività: Una prospettiva di lavoro a distanza

Salute mentale e impatto sulla produttività: Una prospettiva di lavoro a distanza

We would have been billionaires if we had been paid a penny every time we used the word "remote" over the past four years. But since the pandemic, it's probably the first time that the world is settling a bit into how to approach work.

A Sondaggio Gallup suggerisce che il numero di giorni lavorativi mensili in remoto negli Stati Uniti si è assestato a 3,8 giorni, rispetto alla media di 2,4 giorni precedente alla pandemia. Nel 2020, cioè quando è iniziata la pandemia, questo numero è salito a 5,8. Altrove, L'analisi di McKinsey delinea che l'affluenza in ufficio si è relativamente stabilizzata, ma rimane inferiore del 30% rispetto ai giorni precedenti la pandemia. In effetti, una diversa Studio McKinsey ha rivelato che circa il 32% delle organizzazioni dispone già di un playbook aggiornato e ben documentato che definisce le modalità di lavoro.

In effetti, le culture lavorative remote e ibride sono diventate la norma. Le aziende hanno visto aumentare i profitti grazie alla riduzione dei costi di alloggio, mentre i dipendenti hanno avuto più tempo per se stessi oltre che per il proprio lavoro.

Ma non è saggio semplificare eccessivamente o generalizzare la profonda relazione tra la salute mentale di un dipendente e il lavoro a distanza. La relazione è infatti profonda e complessa, con molte variabili che influenzano il modo in cui una persona si sente e come le aziende possono affrontare e migliorare la produttività.

Per questo articolo, abbiamo fatto luce sul rapporto tra salute mentale e produttività, sulle sfide affrontate e sui modi per migliorare questo rapporto, concentrandoci sull'ecosistema del lavoro a distanza.

Il legame tra salute mentale e produttività nel contesto del lavoro a distanza

Esistono alcuni indicatori chiave che suggeriscono una buona salute mentale in qualsiasi ambiente di lavoro. Questi includono, ma non si limitano a:

  • Esistono alcuni indicatori chiave che suggeriscono una buona salute mentale in qualsiasi ambiente di lavoro. Questi includono, ma non si limitano a:
  • Capacità di gestire efficacemente il lavoro e la vita privata
  • Minimo stress associato alle attività lavorative
  • Sentirsi motivati e soddisfatti delle proprie responsabilità
  • Gestione dei carichi di lavoro e capacità di delegare in modo efficace
  • mentalità di apprendimento e progressione continua nel corso del lavoro
  • Senso di appartenenza e inclusione

Negli ultimi decenni una vasta letteratura è stata dedicata alla creazione di un ambiente che supporti tutti questi indicatori e renda la vita facile ai dipendenti. L'idea è quella di farli sentire desiderati, in modo che possano impegnarsi meglio ed essere produttivi. Tuttavia, è una cosa completamente diversa stabilire le migliori pratiche in linea con questa catena di pensiero quando la forza lavoro è distribuita in remoto in tutto il mondo.

Ma prima ancora di stabilire le migliori pratiche, le aziende devono capire l'interazione tra salute mentale e produttività. La risposta non è così semplice.

Si consideri questo: nel 2021, i ricercatori hanno condotto una indagine su 1285 lavoratori a distanza dell'America Latina per capire lo stress percepito, la soddisfazione lavorativa, l'impegno, la produttività e altro ancora in un ambiente remoto. Hanno notato che gli ambienti remoti aumentavano lo stress e riducevano l'equilibrio tra lavoro e vita privata, ma aumentavano la produttività complessiva. Questo dato è idealmente opposto a quello che potremmo presumere quando pensiamo alla proporzionalità tra salute mentale e produttività.

Un altro studio ha intervistato più di 3000 lavoratori d'ufficio e hanno concettualizzato le differenze di salute mentale e produttività prima e dopo la pandemia. I ricercatori hanno sfruttato fattori come i disturbi del sonno, il lavoro straordinario, i dati demografici, il supporto sociale, ecc. per comprendere meglio l'impatto della cultura del lavoro a distanza. I risultati hanno rivelato che lo stress fisico è aumentato, così come il presenzialismo, poiché i lavoratori erano impegnati in attività lavorative anche quando erano malati. È stata osservata una relazione diretta tra questo maggiore impegno lavorativo e la diminuzione della produttività.

Ma c'è anche un'altra faccia della medaglia che corre nella narrativa mainstream, ed è comprensibile che sia così. Ad esempio, un sondaggio ha rilevato che 72% dei lavoratori europei preferiscono lavorare da remoto perché li aiuta a mantenere l'equilibrio tra lavoro e vita privata. I lavoratori in Finlandia (74%), Germania (73%) e Regno Unito (72%) sostengono l'idea che il lavoro a distanza sia più vantaggioso delle insidie che comporta. Infatti, il 61% dei lavoratori mette in relazione diretta la cultura del lavoro remoto flessibile con una maggiore produttività individuale. Ritengono di trovarsi meglio quando lavorano nell'ambiente che preferiscono, e a ragione.

I benefici del lavoro a distanza sulla salute mentale

Idealmente, quando si parla di salute mentale e produttività in un ambiente di lavoro remoto si possono esplorare tutti i tipi di angolazioni. Soprattutto perché questa relazione non è affatto lineare. È sfaccettato e costituisce:

  • Differenze individuali in termini di esigenze e preferenze
  • Diverse percezioni dell'equilibrio e dell'integrazione tra lavoro e vita privata
  • Diverse aspettative sul piano dell'interazione sociale
  • Il livello di supporto offerto dalle organizzazioni è diverso a seconda dei livelli.
  • Ambienti domestici e condizioni di lavoro diversi

Ma ci sono sicuramente molti vantaggi che completano l'inclinazione verso un ambiente di lavoro remoto. Questi includono:

Flessibilità e riduzione dello stress da pendolarismo

Gli studi suggeriscono che i lavoratori a distanza possono risparmiare circa 4.000 dollari di spese annuali per gli spostamenti. Si tratta di un aumento notevole se si considerano i costi del carburante, la necessità sempre maggiore di avere un'assicurazione e altro ancora. Senza dimenticare lo stress associato alla gestione del tempo quando si va avanti e indietro dall'ufficio.

Alcune aziende offrono anche orari flessibili, in modo che i dipendenti non debbano attenersi a politiche rigorose quando si tratta di completare un certo numero di ore di lavoro. L'attenzione si concentra piuttosto sul completamento dei progetti in tempo, mantenendo standard elevati. Questo serve ad amplificare il coinvolgimento e la motivazione.

Miglioramento dell'equilibrio tra lavoro e vita privata

Alcuni studi, anche prima della pandemia, hanno indicato che il lavoro a distanza ha una stretta relazione con la riduzione dei conflitti lavoro-famiglia, forse perché le persone possono risparmiare tempo e trascorrerlo con la famiglia facendo le cose che amano. Naturalmente, come abbiamo detto sopra, la comprensione dell'equilibrio e dell'integrazione tra lavoro e vita privata è diversa per tutti, ma di certo c'è spazio per una serie di vantaggi.

Accesso a un ambiente di supporto

There's a big "If" attached to this benefit because it depends on how the organisation perceives and approaches remote work, how coherent are they in their policies and plans to accommodating a distributed workforce, and how much they want to invest in human resources and technologies like productivity monitoring tools to make remote work a success.

Ma se tutte le cose sono al loro posto, le organizzazioni possono prevenire l'abbandono silenzioso, il burnout e il lento ricambio. Possono creare relazioni di successo con i dipendenti e coinvolgerli fino in fondo nella crescita dell'azienda.

Sfide per la salute mentale nel lavoro a distanza

Le sfide sono previste perché il lavoro a distanza potrebbe non essere adatto alle esigenze e alle preferenze di ognuno. Per esempio:

  • Le persone possono sperimentare l'isolamento sociale e la solitudine, soprattutto quando non sono in famiglia e non sono socialmente attive come i loro coetanei.
  • Il burnout e il sovraccarico di lavoro possono diventare una pratica comune, in quanto i datori di lavoro si aspettano che i lavoratori stiano alla scrivania per una parte relativamente lunga della giornata. Questo nega l'idea che il lavoro a distanza faccia risparmiare tempo, perché il tempo risparmiato viene in realtà sfruttato come un'opportunità per richiedere lavoro extra.
  • Può verificarsi una mancanza di confini tra lavoro e vita privata. Anche in questo caso, l'idea di flessibilità e indipendenza diventa un pericolo, perché alcune persone potrebbero considerarla un'opportunità per essere in costante contatto con i loro coetanei.
Come accelerare il processo di selezione del personale?

Strategie per mitigare queste sfide

Abbiamo parlato con una serie di dirigenti di diversi settori per capire meglio cosa funziona per loro quando implementano misure per migliorare la produttività e il coinvolgimento sul posto di lavoro. Hanno utilizzato CleverControl in diversi modi per risolvere una serie di problemi, compresi scenari del tutto inediti grazie alle impostazioni remote. Grazie a queste conversazioni, ci siamo resi conto che un piano ben congegnato, costituito da strategie personalizzate, può essere sinonimo di successo con una configurazione remota.

Ecco come procedere:

Bozza di politiche in alleanza con le aspettative

Le aspettative vanno in entrambe le direzioni. Per esempio, un datore di lavoro ha aspettative di produttività, mentre un dipendente potrebbe cercare supporto e inclusione. Fate un'indagine su tutte le parti interessate e documentate gli aspetti chiave attorno ai quali devono ruotare le vostre politiche. Questi possono includere orari di lavoro, protocolli di comunicazione, orari flessibili, ecc.

Sfruttare uno strumento di monitoraggio della produttività

L'infrastruttura tecnologica a supporto della cultura del lavoro a distanza potrebbe essere notevole. Ad esempio, potrebbe comportare un'attenzione particolare alle soluzioni audiovisive, come i software di videoconferenza, l'assistenza AI ai dipendenti e i prodotti HR, ecc. Ma l'aspetto fondamentale per assicurarsi che le politiche delineate vengano rispettate è il monitoraggio granulare delle metriche di produttività. Uno strumento di monitoraggio della produttività come CleverControl potrebbe essere il vostro migliore amico per diversi motivi:

  • È possibile definire meglio i modelli di lavoro osservando i cali di produttività.
  • È possibile garantire che le postazioni di lavoro remote siano al sicuro da qualsiasi minaccia interna o accesso non autorizzato.
  • Potete agire in modo proattivo sulle modifiche alle politiche per adattarle ai nuovi requisiti del progetto.

Concentrarsi molto sul benessere e la salute mentale

I dipendenti ricevono il supporto necessario nel loro settore? Ricevono servizi di consulenza? Vengono incoraggiati dai loro manager mentre lavorano a progetti piuttosto sofisticati? È necessario porre un freno alla microgestione?

Ponete queste domande attraverso sondaggi anonimi per comprendere meglio le dinamiche del luogo di lavoro che altrimenti passano inosservate e che hanno un impatto sulla salute mentale.

Introdurre metriche di performance, cicli di feedback e opportunità di apprendimento.

Uno strumento di monitoraggio della produttività può fornire una visione approfondita dei picchi e dei cali di rendimento. Su questa base, create un piano per offrire un feedback continuo e progressivo. Questa è anche un'opportunità per introdurre opportunità di apprendimento. Un modo eccellente per farlo è implementare un sistema di gestione dell'apprendimento (LMS) completo che supporti gamification, social learning e microlearning.

Facilitare le interazioni di persona

Lavorare a distanza non significa non doversi mai incontrare. Anzi, organizzare occasionalmente incontri o ritiri di persona può fare miracoli.

Considerate questo: un'azienda ha notato un calo significativo delle prestazioni dopo il Natale dell'anno scorso. Utilizzava CleverControl per registrare i tempi di attività e inattività e ha scoperto che i dipendenti faticavano a mettersi in carreggiata a gennaio dopo le vacanze. Così, alla fine del mese, hanno implementato una politica che prevedeva che il team si riunisse una volta al mese per discutere della crescita, delle opportunità di apprendimento, dello stato dei progetti, ecc. Dopo un trimestre, hanno registrato un aumento del 10% del tempo attivo. Dopo aver analizzato i cambiamenti, è emerso che i dipendenti si sentivano più responsabili e motivati dopo aver avuto alcune interazioni di persona.

In breve

Il lavoro a distanza può essere una manna o una rovina per un'organizzazione. Semplificare eccessivamente i vantaggi e le sfide di questa configurazione e il modo in cui influenza la salute mentale e la produttività è una ricetta per il disastro. Per questo motivo, i dipendenti devono assicurarsi di valutare in modo granulare ogni esigenza aziendale e di procedere secondo un piano prestabilito.

Le strategie sopra descritte possono costituire una base rudimentale per il vostro piano d'azione.

Here are some other interesting articles: