Un percorso verso l'alto

Idealmente, il percorso per arrivare in cima alla scala delle carriere si presenta così:

  1. Abbiamo raccolto 25 consigli che possono aumentare il coinvolgimento del personale. Eccoli.

  2. Si dimostri un leader: partecipi attivamente alla creazione di un ambiente positivo nel reparto, motivando i colleghi e formando i nuovi dipendenti.

  3. La direzione si accorge del vostro impegno, apprezza la vostra competenza e responsabilità e vi promuove a una posizione dirigenziale.

In realtà, questo percorso non è così lineare e sicuro per diversi motivi. Ecco i più comuni:

  • Alcune aziende hanno un sistema di valutazione inadeguato e il manager potrebbe non essere nemmeno a conoscenza del successo di uno specialista davvero bravo.

  • La cultura aziendale specifica si è radicata nell'azienda: le cariche dirigenziali non vengono assegnate ai dipendenti più abili e di successo, ma a persone che rispondono ad altri criteri (ad esempio, sono parenti/buoni amici del proprietario dell'azienda o il proprietario preferisce assegnare le persone a tali cariche in base alla loro natura, al segno zodiacale, ecc.)

  • I posti dirigenziali sono al completo, non compaiono nuovi dipartimenti e i dirigenti esistenti lasciano raramente il loro posto.

Probabilmente c'è un'altra ragione: "Non posso diventare un manager perché nessuno mi apprezza". Approfondiamo questo punto.

Meriterei un posto da dirigente, ma non me lo lasciano fare.

Quando lo specialista arriva a questa conclusione, di solito non tiene conto di un dettaglio importante. Meritare una posizione manageriale non significa solo essere competenti e gestire perfettamente i compiti quotidiani. Un potenziale manager è attivo, non si limita a svolgere il lavoro abituale, ma cerca anche opportunità per migliorare i processi in modo che il sistema sia più efficace. Un potenziale manager suggerisce spesso modi per lavorare in modo più efficiente e ottenere risultati migliori, introduce nuovi metodi nel proprio lavoro. Un futuro manager è un leader: a volte la sua opinione è più importante di quella di un leader formale. Un potenziale manager può non farsi notare? Difficilmente. D'altra parte, solo le conoscenze, le competenze, l'esperienza e la leadership non possono garantire la promozione. Ad esempio, il candidato potrebbe non soddisfare alcuni criteri formali, come la laurea o l'esperienza manageriale pratica. Ci possono essere diverse ragioni per cui lo specialista è bloccato al livello esecutivo, ma non si deve incolpare il top management per non aver notato il potenziale leader.

Diventare prima manager, poi essere promossi

L'iniziativa di un professionista viene prima di tutto, l'incarico poi. Il paradosso è che un leader capace può svolgere compiti manageriali anche senza un incarico. La promozione è una procedura formale. Il dipendente vede la strategia, gestisce le risorse, prevede i rischi, guida i colleghi. Il posto conferma solo lo status e gli attributi correlati, come bonus, salari, partecipazione al processo decisionale e all'allocazione delle risorse su scala più ampia. Se una posizione manageriale viene usata solo come leva, molto probabilmente il manager non porterà alcun beneficio all'azienda. Il posto dà solo opportunità, ma non funziona come trampolino di lancio. Un tale trampolino di lancio è la professionalità, la capacità di vedere la situazione nel suo complesso e di spendere il tempo in modo saggio, il talento di indirizzare i colleghi verso compiti importanti.

Siete un vero manager?

Da anni aspirate a un posto di dirigente, ma non riuscite a raggiungere il vostro obiettivo. Queste affermazioni si applicano a voi?

  1. Negli ultimi sei mesi avete fatto uscire almeno un compito dall'impasse: tutti hanno rinunciato, ma voi l'avete portato a termine.

  2. Almeno una volta siete riusciti a far cambiare opinione ai vostri colleghi su una questione importante. Tutti dicevano "no", voi avete detto "sì", di conseguenza i vostri colleghi hanno preso in considerazione le vostre parole e alla fine hanno deciso per il "sì".

  3. Condividete regolarmente le vostre esperienze con i colleghi. Non perché lo dice il vostro manager, ma perché vi sentite responsabili del progetto comune e desiderate aiutare gli altri ad affrontare le difficoltà.

  4. Valutate i vostri risultati ogni mese/tre mesi/sei mesi/un anno: cosa è stato fatto, quali obiettivi sono stati raggiunti, perché altri non sono stati raggiunti, come raggiungere il risultato desiderato, quali punti deboli dovrebbero essere migliorati.

  5. Negli ultimi due anni avete fatto almeno 2-3 rapporti pubblici.

  6. Vi piace strutturare le informazioni e conservarle in modo da trovare una risposta a una domanda in modo rapido e comodo.

  7. Sapete con certezza quanto tempo dedicate a ciascun compito durante la giornata. Sapete quando spendete il vostro tempo in modo improduttivo e cercate di eliminare le cattive abitudini che non vi permettono di ottenere il massimo da questa preziosa risorsa.

  8. Siete in grado di esprimere il vostro punto di vista in modo chiaro e convincente. Non avete paura di insistere sul vostro punto di vista.

  9. Vi sentite felici quando il vostro reparto o l'azienda ottengono un successo. Siete contenti di aver contribuito a questo successo e questo successo è il risultato comune vostro e del vostro team.

  10. L'idea che i vostri colleghi abbiano paura di voi perché avete l'autorità di fargli fare ciò che non vogliono vi fa sentire a disagio.

I risultati non vanno presi sul serio, ma sono spunti di riflessione. Se credete che la maggior parte delle affermazioni si applichi a voi, ma non siete ancora un manager, probabilmente non siete abbastanza obiettivi nei confronti dei vostri risultati e delle vostre capacità o lavorate in un'azienda che tende a creare limiti artificiali per le persone di talento. Nel primo caso, vale la pena di lavorare su se stessi, nel secondo di cercare un'altra azienda.

Quando vale la pena crescere nella vostra attuale azienda

Raccogliere tutte le informazioni e analizzarle. L'azienda preferisce promuovere i propri dipendenti o assumere specialisti esterni per i posti di rilievo? La vostra candidatura si inserisce ovviamente nella tendenza comune. Siete in ottimi rapporti con i vostri colleghi. Nel personale c'è un nucleo progressista e la sua opinione gioca un ruolo importante. Lavorate da tempo con successo per questa azienda. Se vi viene chiesto di parlare dei risultati ottenuti nell'ultimo anno, non dovrete scervellarvi per mezz'ora prima di iniziare a parlare. Avete una chiara comprensione di come sviluppare il reparto o il progetto in cui state lavorando. Sapete come migliorare e rendere più efficaci le cose. Capite come funziona il sistema: dove reperire le risorse e come allocarle per ottenere il massimo risultato.

Quando conviene cambiare azienda

Pur essendo attivi e competenti, negli ultimi due anni non avete ricevuto alcuna promozione. I vostri manager sono assunti da altre aziende e il loro contributo non fa che ostacolare la vostra produttività ed efficienza. Avete esperienza di leadership, ma non avete alcuna autorità evidente sul personale.

Come ottenere un posto di dirigente senza esperienza manageriale

Anche se non avete una vera e propria esperienza manageriale, potete candidarvi per le offerte di lavoro da manager. La chiave del successo è una buona presentazione delle competenze ed esperienze professionali nel curriculum e durante il colloquio di lavoro. Includete nel vostro curriculum i casi in cui avete gestito il lavoro di altre persone senza essere formalmente un manager. Ad esempio, avete coordinato il lavoro di squadra, assegnato risorse e compiti, analizzato i risultati e suggerito soluzioni per aumentare l'efficienza del lavoro. Aggiungete anche i risultati ottenuti in quel periodo. Quali risultati avete ottenuto? Non dimenticate le vostre doti di leadership, ad esempio la capacità di unire e motivare i colleghi. Sottolineate le vostre qualità personali e le competenze del manager (resilienza, capacità di analisi, gestione efficace del tempo, capacità di stabilire le priorità e di assegnare i compiti). Menzionate i corsi di formazione, i webinar, le conferenze, ecc. per manager a cui avete partecipato.