7 tipi di dipendenti che non vengono mai promossi

Chi ha inventato la parola "carriera" non si sbagliava quando l'ha ideata dalla parola "carrus" (lat. carro, veicolo a ruote) Perché a volte fare carriera è così difficile! Nel frattempo, certe persone non riescono mai ad andare avanti. CleverControl ha deciso di classificare questi tipi di persone e ha chiesto aiuto agli esperti. Quindi, che tipo di dipendenti non saranno mai promossi:

Il "plancton da ufficio"

L'impiegato passivo è una zavorra regolare di molte organizzazioni. Queste persone vagano da un'azienda all'altra, di solito senza fermarsi per più di un anno. Ma alcune sottospecie di "plancton" possono rimanere in un posto per decenni. Se l'azienda non dispone di chiari indicatori di performance, individuare il plancton nell'acqua torbida è piuttosto difficile. E anche se non ci sono altri candidati alla promozione, è improbabile che al plancton venga offerta una nuova posizione perché non è adatto allo sviluppo. Emma Weber, direttore generale, fondatrice del centro di consulenza "WE": "Uno dei criteri principali per le promozioni è l'autosviluppo e la formazione continua. Nessuno ha bisogno di dipendenti privi di iniziativa per l'autosviluppo".

I ritardatari

È sempre in ritardo e non riesce a portare a termine nessuno dei compiti in tempo: sono tutti segni classici di un dipendente improduttivo. Sorprendentemente, i ritardatari non sono sempre giovani e inesperti, ma spesso sono persone con più di 40 anni. L'unica cosa che riescono a fare è trovare un nuovo motivo per ogni ritardo, dando l'impressione di lavorare sodo nelle poche ore di lavoro che trascorrono in ufficio e scomparendo non appena la giornata lavorativa si conclude. Spesso si scopre che hanno sbagliato mestiere o che non amano troppo il lavoro in generale. Se vi rivolgete a un dipendente di questo tipo con la domanda più semplice, di solito non può dedicarvi nemmeno un minuto del suo "prezioso" tempo. Emma Weber prosegue: "Se il dipendente usa frasi come "non ho tempo per questo", "non posso farlo in tempo", "non lo so" e lavora "entro i parametri della descrizione del lavoro" facendo il minimo indispensabile, questi sono i primi segnali della mancanza del desiderio di auto-miglioramento. Il manager noterà sempre i dipendenti che lavorano sodo e forniscono risultati". "I ritardatari a volte vengono confusi con la controparte che lavora davvero sodo, ma quest'ultima ha un KPI elevato e una carriera in rapida crescita. Per quanto riguarda il ritardatario, è arrivato troppo tardi per una promozione.

Ignoranti

Molti esperti suggeriscono di escludere dal lessico la frase "non so", già citata in precedenza: come può un dipendente essere definito uno specialista se la usa? Nel frattempo, si incontrano qua e là ignoranti che non sono abituati a essere responsabili di nulla. La psicologa Anna Wright commenta: "Nessun manager sano di mente promuoverà mai un dipendente che ha patologicamente paura di assumersi la responsabilità di qualsiasi problema. Un dipendente di questo tipo sceglie un comportamento evitante e preferisce "non sapere nulla" o frasi come "non sono sicuro della risposta, quindi è meglio consultare il mio collega". Il dipendente può avere l'impressione di essere attento, ma in realtà questo comportamento appare come incompetenza e sfiducia. Pertanto, il nome di questo dipendente non verrà mai fuori nelle discussioni sulle promozioni".

Persone senza ambizione

Nessuna ambizione - nessuna promozione. Una persona del genere può lavorare come "il plancton", ma a volte mostra ancora ambizione (anche se per lo più basata sul nulla). E ancora una volta non possiamo fare a meno di parlare di responsabilità. Jacob Wade, socio amministratore dell'agenzia di marketing "ByWing", commenta: "Per me è importante che i dipendenti siano ambiziosi, non abbiano paura delle responsabilità e siano pronti ad assumersi compiti impegnativi".

L'"OK, Google-Guy" o "EveryDayfly".

Per un certo periodo di tempo potete davvero "volare" in ufficio e chiedere favori ai vostri colleghi ogni giorno, perché perché spendere sforzi per portare a termine i vostri compiti? Ma in questo caso, è improbabile che abbiate in serbo una carriera brillante. Jacob Wade prosegue: "Il dipendente non deve chiedere costantemente aiuto e cercare soluzioni facili, perché questo non contribuisce al suo sviluppo. Se lo specialista vuole progredire nella carriera, deve capire la quantità e la complessità del lavoro che i manager devono affrontare".

Errore umano

La maggior parte dei vostri clienti insoddisfatti vi ha parlato di questo dipendente: il dipendente "errore umano". Errori nei dettagli e gravi incomprensioni indicano che lo sviluppo professionale del dipendente si è fermato. E di solito questo significa che anche la carriera si è fermata. "Un fattore chiave che impedisce ai dipendenti di essere promossi sono gli errori regolari e la completa stagnazione professionale", afferma Jacob Wade.

Aggressore in conflitto

Anche gli amanti del conflitto, in qualsiasi forma, sono pessimi candidati alla promozione. A chi piace l'incessante disordine nel team? Spegnete il fuoco dentro di voi, contate fino a dieci e calmatevi. Le questioni possono sempre essere risolte pacificamente. Siate diplomatici, imparate a controllare le vostre emozioni. Se si spende energia per il conflitto, ne rimarrà meno per lo sviluppo e la crescita, per l'ispirazione e l'iniziativa, per affrontare un compito complesso e responsabile. E questi, come risulta dall'analisi dei nostri esperti, sono i parametri chiave per la crescita della carriera.